Cerca
  • English English
  • Italiano Italiano
  • Deutsch Deutsch
  • Français Français
Italiano
/
  • CHF
  • EUR
  • USD
CHF
/
  • IVA incl.
  • IVA escl.
IVA incl.
/
Iscriviti

Vintage Report EP2021

Vintage report 2021

ARVI è lieta di condividere le sue prime impressioni sull'annata 2021 En Primeur. L’accoglienza del team ARVI durante la settimana dei Primeur è stata meravigliosa, gli sfarzosi castelli erano vestiti a festa, l’aria era frizzante, ricca di novità, colma di gioia ed entusiasmo nel riaprire le porte degli Châteaux dopo due anni. Il viaggio è iniziato con una giornata molto intensa sulla riva destra, tra Saint-Emilion e Pomerol, il regno incontrastato del Merlot con i suoi fantastici profumi e la superba eleganza che contraddistingue i suoi vini. Si sono poi spostati sull’altra sponda della Garonna, la sinistra, la più vasta, la patria del Cabernet Sauvignon e dei maestosi castelli, passando da Pauillac, Saint-Estephe, Saint-Julien, Margaux e scendendo fino a Pessac-Leognan e Graves. Lì hanno avuto di nuovo l’onore di essere ospiti delle meravigliose tenute, il privilegio di aver condiviso del tempo con persone fantastiche, la fortuna di aver degustato i più grandi vini del mondo. La nuova annata viene svelata in un’atmosfera magica, tra visite, degustazioni, spettacoli, pranzi e cene che fanno brillare gli occhi, tra profumi, sapori e sensazioni che rimangono impressi nella memoria…questa è la settimana dei Primeur!

Il 2021 è stato indiscutibilmente, a detta anche degli stessi produttori, un anno di spettacolari contrasti climatici che hanno richiesto un’attenzione particolare e un lavoro molto duro e preciso. È stata sicuramente l’annata delle grandi sfide e delle importanti decisioni. Il meteo è stato sfavorevole e a tratti disastroso, con le gelate e le piogge di primavera che hanno richiesto considerevoli sforzi per essere domate, condizioni per cui il rischio di sbagliare è stato molto alto durante tutto l’anno. Per questo motivo è stato necessario saper usare un timing perfetto; qualcuno ha preferito anticipare, qualcun altro ha saputo aspettare, ma in ogni caso è stato fatto un lavoro superbo, contornato anche da lacrime, sudore e qualche notte insonne. Questo ci fa capire di che pasta siano fatti i bordolesi, di quanta conoscenza, professionalità e costanza ci siano nel loro animo, di quanta passione scorra nel loro sangue. La cultura e la capacità di queste persone hanno portato nei calici una precisione che lascia a bocca aperta.

Come non mai il 2021 è il simbolo di quanto la fusione tra natura, tecnologia ed essere umano sia la base per dare alla luce vini straordinari. Il risultato è ancora una volta stupefacente. A differenza della 2020 che fu l’annata del Merlot, in cui Saint-Emilion e Pomerol fecero da padroni, nella 2021 troviamo in vantaggio la qualità del Cabernet Sauvignon, protagonista assoluto nei blend, ma non abbiamo a oggi un vero vincitore né tra gli uvaggi, né tra riva destra e riva sinistra. Una menzione speciale è d’obbligo per i vini bianchi. Ci siamo trovati davanti a stupende sorprese, vini completi, con un equilibrio perfetto tra freschezza, aromaticità, complessità e acidità…assolutamente eccellenti.

Ci troviamo di fronte a un’annata eterogenea, dove in molti casi le quantità sono ridotte anche oltre il 50%, i vini sono talvolta differenti tra loro, ma mantengono sempre alta la qualità e rispecchiano a pieno il terroir. Possiamo definirla classica, caratterizzata da bellissimi aromi, frutti e fiori molto vivi, sostenuti da una notevole acidità, con un grado alcolico più basso, che rende il vino piacevole e gli conferisce grande freschezza, ma soprattutto finezza ed eleganza. Si sono fatti molti paragoni con altre annate: c’è chi la paragona con la 2006, chi con la 2012 e perfino chi azzarda un accostamento con la 2014. La verità è che la 2021 è totalmente unica.

Parliamo di un’annata che può accontentare tutti, dove la firma è stata messa dalla precisione tecnica e dalle sfide vinte. Una 2021 da non perdere e da aggiudicarsi tempestivamente.

Chateau Cos D'Estournel

Perché acquistare En Primeur in Arvi?

Acquistare i vini bordolesi 2021 vuol dire avere in cantina dei capolavori unici che, viste le rese molto basse, andranno sold out velocemente. Le permetterà di scegliere il suo formato preferito, dalle mezze bottiglie ai grandi formati fino a 12, 15, 18, 27 litri. Le consentirà inoltre di fare ottimi affari, dato che si acquisterà al momento dell'uscita al miglior prezzo. Arvi le garantisce il prezzo e la sicurezza della consegna delle bottiglie tramite la collaborazione diretta con gli Chateaux; mettiamo a sua disposizione la nostra professionalità per saperla consigliare al meglio.

Top
Top